Maison-Agricole-D&D-(2)

“Il vino è una lunga storia: comincia quando pianti la vite e termina quando apri la bottiglia”
Daniela Dellio

La cosa che ama di più è andare in vigna la mattina presto, quando tutti dormono ancora, e poi aspettare il risveglio e guardare da lontano le macchine che sfilano sulla strada e si affannano nel traffico. Un po’ se la ride sotto i baffi, Daniela, che ha abbandonato quella frenesia, la vita d’ufficio durata vent’anni e il pendolarismo in auto, per dedicarsi al vino: una passione, prima di tutto, ma anche l’attività di famiglia. Perché Daniela ha imparato “il vino” da bambina, quando aiutava il papà. Oggi è una fiera Donna del Vino, una vignaiola indipendente aderente alla FIVI, e la sua azienda, nata nel 2002, la impegna a tutto tondo: da quando sceglie quale pianticelle di vite piantare nei suoi terreni, al lavoro in vigna (“che se non hai passione, non lo puoi fare” – dice), in cantina e anche la parte commerciale. Nelle etichette ci sono le sue iniziali “D&D”, e dentro le bottiglie i vini sono eleganti, freschi, di montagna. Tra tutti spiccano il Torrette Superieur  e il Torrette ma, come dice Daniela, aiutata in azienda dal marito e dai figli, ognuno in famiglia ha le sue preferenze. E la soddisfazione più grande è raccontare il proprio mestiere ai clienti che arrivano in cantina, si siedono, assaggiano, e ascoltano questa lunga storia che inizia in vigna e finisce nel bicchiere. ©Dispensa