R_T_Fratelli-Panizzi-(2)

“Ho sempre avuto il pallino di produrre yogurt sin da quando ero ragazzo…non so perchè”
Marcello Panizzi

Seguire tutta la filiera: dall’alimentazione delle vacche fino alla vendita al cliente. Se chiedi a Marcello Panizzi cosa gli piaccia di più del suo lavoro, la risposta è tutta qui. Cinquanta vacche gli garantiscono latte tutto l’anno, dal 1 giugno al 30 settembre arriva dagli alpeggi sopra i 1500 metri dove i capi si trasferiscono in villeggiatura per mangiare l’erba verde. E Marcello quel latte lo trasforma in yogurt, tome, stracchini, erborinati. Stessa cosa per i formaggi di capra. Seguire tutta la filiera significa trascorrere le proprie giornate un po’ nei campi, un po’ nei caseifici, e un po’ dietro al bancone per servire i clienti. Impossibile annoiarsi. Nei negozi di Courmayeur, Morgex e La Thuile, sono in bella mostra i suoi prodotti (tra cui spiccano i vasetti di yogurt di varie dimensioni e colori in cui il latte incontra materie prime di alta qualità, come i pistacchi di Bronte, la Nocciola del Piemonte o le marmellate con frutta di stagione), il delizioso Bleu d’Aoste, ma anche una selezione di mieli, salumi e formaggi locali e nazionali. Quella di Marcello è un’azienda familiare che dal 1968 a oggi ha puntato sulla qualità, la ricerca e il territorio. ©Dispensa